japan is an island

lunedì 31 dicembre 2007

Japan is an island 2007 Awards

L'ambitissima statuetta dei Japan is an island 2007 Awards

Fine anno è da sempre periodo di consuntivi. Ma siccome quest'anno ha fatto così schifo che tirare le somme della mia vita sarebbe solo un modo per buttarmi ancor più giù, ho deciso di stilare una lista di cose buone accadute nel mondo, in un modo o nell'altro.
Che le liste comunque mi piacciono un casino (c'ho pure il tag adatto del blog), e le top ten mi piacciono pure.

Prima di iniziare con questa carrellata di oggetti/avvenimenti meritevoli, però, vorrei indicarvi alcune liste di fine anno che valga la pena di consultare.

L'appuntamento più classico è sicuramente quello con le Top Ten del Time, che anche quest'anno si sbirrarrisce con liste su liste, dalle pubblicità agli scandali, dai videogames ai fumetti.

Devo dire di non essere per nulla d'accordo con la lista dei videogiochi, e anche per quella dei fumetti c'è più di qualcosa che non mi torna...

Lo Spazio Bianco probabilmente starà stilando la "sua" lista dei migliori fumetti dell'anno che sta per concludersi: l'anno scorso ero uno della giuria (composta da esperti e addetti ai lavori del web e non), quest'anno probabilmente non sarò (giustamente) interpellato perché socio di una casa editrice che potrebbe avere dei fumetti in top ten (magari!)

Inciso - girovagando per le varie liste ho notato una discreta presenza dell'ultimo libro di Adrian Tomine, uno dei miei disegnatori indie preferiti. Recuperare al più presto.

Altro appuntamento da non perdere è quello dei "best of 2007" di IGN. Ce ne è per tutti i gusti, ma direi di fidarsi solo ed esclusivamente dei giudizi sui videogames.

Informaticamente parlando bisogna citare i Software Superlatives di LifeHacker. Si va dal miglior downgrade (Windows Vista vince a mani basse) al miglior Easter Egg dentro un programma...

Per concludere, non posso che segnalarvi la lista di "storie sconce sulle cheerleader del 2007". Nuff Said.

E ora, mettetevi comodi e godetevi i Japan is an island 2007 Awards!

MIGLIOR SERIE TV
CALIFORNICATION



Uno scrittore newyorkese in crisi nella città degli angeli. Tra sesso, amore e autodistruzione. Non fatevi ingannare, è una commedia. Amara, ma pur sempre una commedia. Con un bravissimo David Duchovny (lontano anni luce dal Fox Moulder che tutti conosciamo), e una fraccata di gnocche. E la scena iniziale (il video di sopra) vale da sola tutta la prima stagione (che pur soffre di un lieto fine evitabilissimo e del solito clichè figlia-piccola-ma-intelligente-e-con-bei-gusti-musicali).

MIGLIOR VIDEOGAME
PHOENIX WRIGHT: TRIALS & TRIBULATIONS
Terzo capitolo della saga di Phoenix Wright, senza voler esagerare una delle migliori saghe di videogames dai tempi del mitico Monkey Island. Ho iniziato a giocarci qualche giorno fa e ha già scalzato i possibili pretendenti al trono (leggi: Picross DS - puzzle game che da dipendenza- e il pluriosannato nuovo capitolo di Zelda). Il segreto del successo di questo gioco sono sicuramente i personaggi: caratterizzati divinamente, praticamente vivi, come nelle migliori opere di qualsiasi medium si stia parlando. Il gameplay non è da meno: un'avventura grafica che è soprattutto un legal procedural, con touchscreen e microfono (Nintendo DS, mica cotiche) per poter lanciare vocalmente la propria OBIEZIONE! E la continuity tra i vari episodi è serratissima!

MIGLIOR LIBRO
HEY NOSTRADAMUS!
Se mai ci fosse qualcuno che ha ancora dubbi sulla capacità di Douglas Coupland di leggere lo spirito del nostro tempo, questo qualcuno dovrebbe bersi d'un fiato gli ultimi due romanzi di Coupland: Eleanor Rigby (ultimo in ordine di pubblicazione originale, penultimo per quanto riguarda la pubblicazione italiana) e Hey Nostradamus!
Un libro sulla fede, la morte, la perdita e la perdita dell'innocenza. Un romanzo che tratta situazioni nè banali nè facili, con una facilità e una leggerezza che solo un grandissimo scrittore (quale Coupland è) può avere.

MIGLIOR FUMETTO
SUPER F*CKERS 4
Il supereroismo è morto. Evviva il supereroismo. Una satira sul mondo dei ggggiovani e dei fumetti di supereroi, ma con tante buone idee come non se ne vedono da tempo sulla maggior parte dei comic book americani. Fantasia al potere! Di James Kochalka. L'erede indie della X-Force / X-Statix di Peter Milligan e Mike Allred (pubblicata anche qui in Italia. Magari quella la conoscete!)

MIGLIOR PORNOSTAR
SASHA GREY
C'è da dire che di solito preferisco le ragazze cicciottelle alle pornodive quasi anoressiche e sicuramente cocainomani...
Ma la signorina Sasha Grey è una forza della natura... e ha solo 19 anni. Di botto mi sento troppo vecchio per la pornografia...

MIGLIOR CALCIATORE
SHUNSUKE NAKAMURA



Il giocatore dell'anno della Scottish Premier League è il giocatore dell'anno anche per me. Ha traghettato la sua squadra (il Celtic) fino agli ottavi di finale di Champions League (impresa ripetuta anche adesso, ma col giapponese fuori causa per infortunio), e -soprattutto- ha siglato splendide punizioni che hanno portato il Celtic a vincere il campionato. Il filmato di sopra contiene tutti i gol siglati durante il passato anno calcistico. E' il mio eroe.

MIGLIOR FILM
NON PERVENUTO
Annata cinematografica fiacca votata al recupero di film delle stagioni precedenti. Non me ne vogliano gli appassionati, ma il miglior film che ho visto quest'anno è datato 2005 (L'amico di famiglia, di Sorrentino).

MIGLIOR DISCO
A WEEKEND IN THE CITY
Un doveroso appunto: Il secondo disco dei Bloc Party, questo A weekend in the city, è sicuramente inferiore all'esordio della band ed è un album discontinuo e per metà neanche degno di nota. E allora perché premiarlo come disco dell'anno? Perché, similmente alla categoria film, questo è stato un anno di recuperi e di uscite non molto interessanti per quelli che sono i miei (difficili, selettivi e ripetitivi) gusti musicali. Avessi potuto premiare il miglior disco ascoltato quest'anno, avrei indicato The Photo Album dei Death Cab for Cutie (ma è addirittura del 2001!). Accontentatevi dei Bloc Party e di A weekend in the city, che inizia spedito come un fulmine ma si perde in una banalissima parte centrale, per poi riprendersi (troppo tardi, ahimè, troppo tardi) sul finale.

...

Già finite le categorie? E' stato un anno scialbo, non è vero?

Che il prossimo sia migliore allora. A partire dal fottutissimo party a cui sarò costretto ad andare stanotte.

Buon anno a tutti! Ci si rivede nel 2008.

5 commenti:

akappa ha detto...

Sembrava una lista seria fino a quando ho letto il nome di nakamura.

Ninaccio ha detto...

Lol! A me piaceva di più la lista dei buoni propositi del 2007, questa lista sfiora troppo la serietà :P

PopArtDejaVu ha detto...

La lista dei buoni propositi è stata abolita quando li ho traditi tutti...

Mibemolle ha detto...

... e invece sono finita a suonare con la band in piazza a Marina Di Carrara...!!!!

che fredddoooooo!!!

Buon anno!!!!!

annapi ha detto...

io concordo su sasha grey :)